Il Mercato Albinelli

Descrizione

Il Mercato Coperto sorge nel centro storico di Modena, fra la ex Contrada delle Carceri e via Mondatora, dove già esistevano il macello e il mercato del pesce. 

Nei primi decenni del Novecento l’area fu oggetto di sventramenti e demolizioni, come l’adiacente piazza XX Settembre; il fine era quello di costruire una struttura coperta che ospitasse il mercato che sin dal Medioevo si teneva in piazza Grande, punto di incontro e commercio fondamentale per la città, ma che per ragioni di “decoro urbano” si voleva spostare al chiuso.

Il nuovo mercato fu inaugurato il 28 ottobre 1931 su una superficie complessiva di circa mq 1.000, con file parallele di banchi coperti da pensiline in ferro e ghisa in stile liberty, botteghe in muratura ai lati con eleganti insegne nere e oro e banchi in marmo rosa per la vendita del pesce.

Due grandi cancellate in ferro battuto chiudevano gli ingressi su via Albinelli e via Mondatora. Si tenne inoltre conto delle esigenze di pulizia e igiene, garantendo la fornitura di acqua corrente a tutti i banchi e ponendo quattro fontanelle di ghisa vicino alle cancellate.

Al centro della struttura fu collocata una fontana ornata con la statua bronzea di una fanciulla che porta un cesto di frutta, opera di Giuseppe Graziosi. Nel 1997 il Mercato Albinelli è stato riconosciuto come monumento di interesse storico nazionale.